Skip to main content
Progetti

Lo sviluppo dei nostri centri nel 2022

By 18 Gennaio, 2023No Comments

Dall’Africa all’India, un veloce riassunto dello stato dei complessi che seguiamo, che stiamo ampliando, completando, dotando di servizi, o progettando. Luoghi di sicurezza e sviluppo, dove bambini e bambine, donne e ragazze, studiano, si nutrono, crescono e si emancipano.

LE MATERNE NEI VILLAGGI
Le scuole d’infanzia umaniste rurali che nel corso del tempo abbiamo costruito nei villaggi di Ndiandiane, Sossop Diop, Tataguine Serere, Bandoulou Toucouleur (Senegal), e in Gambia a Ballanghar, hanno proseguito – anche nel 2022 – le proprie attività. In questi centri, il cui scopo è affiancare lo Stato nella gestione e nel potenziamento delle strutture esistenti, forniamo istruzione, pasti, trasporti per i più piccini, materiale didattico, e stipendi per insegnanti, guardiani, portatori di carretto e giardinieri.

Se nella prima parte del 2022 il funzionamento è stato reso possibile grazie a donazioni private – con la campagna Tutti a Mensa con Energia! abbiamo raccolto 5840 euro, garantendo salari alle maestre fino a agosto 2022 e la mensa con una periodicità di tre volte a settimana – da settembre a fine luglio 2023 un finanziamento della Fondazione Prosolidar ha permesso e continuerà a permettere l’implementazione del progetto, il cui obiettivo a lungo termine è di estendere l’accesso alla formazione prescolare nelle aree coinvolte, assicurando una dieta sempre più variegata attraverso la produzione propria. Beneficiari diretti sono i bambini e le loro famiglie, ma le intere comunità ne traggono vantaggio. Gli studenti iscritti, in totale, sono 527; il numero di porzioni di cibo garantite 94.500; e le corse scuolabus offerte 360. A livello locale il funzionamento è dato dalla collaborazione con i partner Énergie pour les droits de l’homme Sénégal e Energy for Human Rights The Gambia.

Nel 2022 sono stati fatti anche una serie di interventi e migliorie: il plesso di Bandolou è stato ristrutturato grazie a fondi propri; mentre quello di Tataguine ritinteggiato. A Tataguine e Sossop sono state inoltre inaugurate altalene e scivoli, per permettere ai bambini e alle bambine di giocare e divertirsi. Sempre a dicembre, ancora con risorse di Energia, partiranno i lavori per riverniciare la scuola di Ndiadiane. La novità maggiore, però, è che lo Stato senegalese ha finalmente preso in carico quest’ultima struttura. Lo aveva fatto formalmente un anno fa ma gli stipendi erano sempre garantiti da noi. Ora il passaggio è diventato definitivo, e ci sono anche 2 nuove insegnanti. Energia rimane come partner.

Come si evince dal rapporto Unicef “Bilan de compétences des enfants à l’entrée au primaire au Sénégal” (2015), la formazione pre-scolare ha effetti positivi sullo sviluppo fisico, cognitivo, sociale ed emozionale dei bambini. Essa garantisce carriere scolastiche più fluide e lineari alle primarie, con una migliore acquisizione di conoscenze. Per questo abbiamo scelto da molti anni di operare per migliorare la qualità dell’educazione pre-scolare in Senegal e in Gambia, contribuendo al raggiungimento dell’OSS 4.2.

TATAGUINE A SCUOLA CON ENERGIA
Un piccolo focus sul plesso nel villaggio di Tataguine Sérére in Senegal, dove durante il 2022, grazie ai fondi dell’Otto per Mille Valdese, abbiamo costruito un nuovo edificio con un’aula (la terza), una cucina e un magazzino. Non solo… è stato possibile anche il rifacimento della recinzione esterna, per permettere agli iscritti e alle iscritte di giocare in sicurezza e non doversi preoccupare della vicinanza della strada e dei mezzi di passaggio. Lo spazio didattico, l’efficientamento del servizio mensa, i due bagni in più, lo scuolabus-carretto attivo dai villaggi adiacenti, la decorazione delle aule, vogliono creare la cornice ideale dove crescere e prosperare insieme.

L’ÉCOLE HUMANISTE A PIKINE ICOTAF
Dai villaggi alle aree urbane giungiamo a Keur Marietou, una struttura di quattro piani edificata nel 2016 a Pikine Est, nella periferia di Dakar. Qui vi si svolgono attività di microcredito, di ascolto e di formazione. Ma è soprattutto una delle scuole, la Xaley Humaniste, migliori dell’area. Nata come materna, da tre anni ha ampliato la sua offerta, aggiungendo, ogni nuovo ciclo, alcune sezioni di elementari. Nel 2022 siamo arrivati alla terza. Nel biennio appena trascorso, gli ambienti sono stati ricavati dall’affitto di uno stabile di fronte alla sede storica, cui quest’anno si è aggiunto il piano terra, inadatto, però, alle funzioni di accoglienza. Per questo è stato necessario ristrutturarne i vani… possibile grazie al contributo della nostra equipe Keur Marietou, che ha finanziato anche i corsi di formazione per il personale (8 insegnanti). Con altri fondi propri, invece, abbiamo fornito il materiale didattico, acquistato ventilatori per le classi, rinfrescato la facciata, e rifatto l’allaccio alle fogne.

UNA MATERNA INNOVATIVA A YEUMBEUL
“Les Petits Polyglottes”, a Yeumbel Nord (periferia degradata di Dakar), nasce nel 2018. È l’unico luogo di formazione pre-scolare della zona. Alla sua inaugurazione contava due aule e tre classi: le Petit section, la Moyen section e la Grand section. Due si alternavano negli stessi ambienti, e il totale di iscritti era di circa 60 alunni/e. Frutto di un’iniziativa locale, diretta da Adja Rackietou Diop e suo marito, è una struttura innovativa in grado di coniugare lo studio delle lingue, giochi psicomotori adatti allo sviluppo infantile, con una formazione di impostazione europea. Da quest’anno abbiamo deciso di affiancarla, e grazie a fondi autonomi, della Fondazione Prosolidar, e dell’Otto per Mille Valdese, siamo stati e saremo in grado (l’ultimo progetto scade a dicembre 2023) di avviare migliorie strutturali (sistemazione del bagno, della cucina e del cortile; pittura della facciata e dei muri interni), di acquistare nuovi arredi e materiali, e di arricchire la qualità dell’alimentazione fornita dalla mensa. Infine, due attività contribuiranno a incrementare il numero dei bambini/e iscritti: l’allestimento di una nuova aula e il sostegno al personale.

KEUR ASKANWI
Malika è un comune costiero del dipartimento di Keur Massar, nella banlieue di Dakar, in Senegal. È caratterizzata da un pressante aumento demografico, e afflitta da una crescita esponenziale di disoccupazione giovanile, analfabetismo e dispersione scolastica. Manca di luoghi essenziali per lo sviluppo educativo di bambini, per una sana socialità tra i giovani e spazi per le associazioni locali; le scuole presenti hanno costi inaccessibili e comunque non sono sufficienti ad accogliere tutte le domande. Nei quartieri situati nella periferia della discarica di Mbeubeuss – la più grande dell’Africa occidentale – si concentrano gli abitanti più vulnerabili, che popolano un territorio già gravemente sfavorito in termini di infrastrutture sociali e opportunità. Il progetto Keur Askanwi nasce per dare una risposta a questa realtà e punta alla costruzione di un centro polivalente che comprenderà una scuola materna con mensa e biblioteca, una scuola di formazione professionale, sale riunioni, laboratori per la sicurezza alimentare e per la sostenibilità energetica, alloggi per turismo etico e per i volontari. Allo stato attuale, stiamo cercando finanziamenti per la sua realizzazione, che ci auguriamo possa partire appena possibile.

TANDA BAR
Anche questo progetto è ancora sulla carta. E riguarda un villaggio, Tanda Bar appunto, nella regione di Kaolack, Senegal. Vi siamo stati la prima volta a inizio anno. Volontari architetti e costruttori di Energia hanno ideato un centro polifunzionale con 2 aule per una materna, cucina, magazzinetto, Case de Santè e servizi, oltre a bagni, pozzo e recinzione. Il piano è stato appena presentato per un possibile finanziamento.

UN TETTO A SATHANKULAM
All’inizio dell’anno scolastico, l’Ave Maria Matriculation School, nel Tamil Nadu, ha inaugurato una nuova copertura della terrazza. Grazie ad essa i bambini e le bambine possono usufruire di spazi arieggiati e salutari, in un’area in cui piogge copiose, siccità o caldo torrido causano ogni stagione tanti danni e problemi alla salute. Come Energia abbiamo cofinanziato il progetto con fondi provenienti da donazioni private. Ringraziamo tutte e tutti per l’aiuto.

Le fotografie delle scuole rurali sono di Stefano Barbieri

Spread the love

Leave a Reply