Skip to main content
SenegalStop Malaria Campagna

Stop alla campagna contro la malaria in Senegal

By 31 Luglio, 2019No Comments

Si è concluso il progetto Finanziato con fondi OPM della Chiesa Valdese “L’ultimo miglio: eliminare la malaria in Senegal entro il 2030”.
Il progetto mirava al raggiungimento di tre macro-obiettivi: a) ridurre la mortalità per malaria, soprattutto tra i bambini di età inferiore ai 5 anni e le donne in gravidanza; b) attivare l’autorganizzazione del tessuto sociale per creare risposte autonome; c) stimolare e sensibilizzare le comunità coinvolte nell’adozione di nuovi stili di comportamento igienico-personale e ambientale.

Con questi presupposti ambiziosi e per raggiungere questo obiettivo, abbiamo introdotto diverse tipologie di azioni (educazione, comunicazione, formazione, informazione e sport), che hanno interessato strati molto ampi e tra i più vulnerabili della struttura sociale, ovvero bambini e le loro famiglie e i giovani, sia in Senegal che in Italia.

Le azioni sono state:
Azione 1- Formazione di una rete di Promotori della Salute
è stata avviata una serie di incontri volti alla formazione delle Promotori Sanitari Locali, con l’obiettivo di fornire loro le competenze e gli strumenti per informare la popolazione sul tema della Malaria, i suoi rischi e le modalità per contrastarla.
Azione 2 – Sensibilizzazione:
A) Educazione dei bambini
Grazie ai Promotori della Salute e ai volontari dell’Associazione, si sono svolti numerosi incontri nelle scuole di Pikine e nelle zone rurali per sensibilizzare circa 1500 giovani anche attraverso l’utilizzo di giochi, materiale didattico e incontri frontali;
B) Teatro del Foro
Uno strumento importante per il coinvolgimento dei partecipanti è stato quello del teatro. Una compagnia teatrale, infatti, ha animato tutti gli incontri, mettendo in scena spettacoli che raccontassero il problema della malaria e allo stesso tempo istruissero il pubblico sui rischi e sulle modalità di prevenzione;
C) Sensibilizzazione degli adulti e distribuzione di zanzariere;
contestualmente agli incontri formativi, a tutti coloro che hanno partecipato ai corsi di sensibilizzazione sono state distribuite circa mille zanzariere (ad oggi ancora il metodo di prevenzione più efficace)
D) Attività di pulizia e bonifica del villaggio
Oltre agli incontri scolastici, agli incontri pubblici e agli spettacoli teatrali, ogni giornata di attività ha visto numerose iniziative di bonifica e pulizia nei paesi o quartieri coinvolti. grazie all’acquisto dei materiali necessari è stato possibile formare gli abitanti coinvolgendoli personalmente nelle attività di pulizia.
Azione 3 – Attività di divulgazione e comunicazione:
A) Brochure, depliant informativi e adesivi;
I materiali stampati per la campagna sono stati vari e numerosi. Dagli opuscoli scolastici agli opuscoli e vademecum distribuiti a tutte le famiglie partecipanti.
B) Torneo di calcio
Lo sport si è rivelato un ottimo canale per stimolare la partecipazione dei giovani e al tempo stesso per creare momenti di sensibilizzazione aperti a tutto il territorio. si è svolto un torneo di calcio che ha coinvolto squadre di numerosi paesi dell’area rurale interessata.

Per maggiori info: www.stopmalaria.it

Scarica la Brochure del progetto

Spread the love

Leave a Reply